PMG e RHIAG insieme per fare la differenza

09 Aprile 2020

I 1000 veicoli di PMG su tutto il territorio nazionale continuano a muoversi, garantendo la mobilità ai soggetti più deboli delle comunità, anche grazie al prezioso supporto di RHIAG che permette manutenzioni e riparazioni gratuite per i veicoli.

Le forti limitazioni alla mobilità e ai servizi, indispensabili per contenere il contagio da Covid-19, stanno costringendo gli italiani a modificare radicalmente le proprie abitudini. Quelli che per la maggior parte della popolazione sono sacrifici da affrontare con determinazione e senso di responsabilità, assumono tutto un altro significato agli occhi delle persone più fragili. I soggetti over 75, con disabilità o patologie preesistenti sono caldamente invitati a restare a casa, perché particolarmente vulnerabili al virus; così facendo però rischiano di trovarsi in forti difficoltà a reperire generi alimentari, medicinali o altri beni essenziali.

Consapevole di questa situazione, PMG ITALIA – leader in Italia nei servizi di mobilità garantita – ha deciso di fare la sua parte, aumentando il numero dei veicoli a disposizione di Enti e Associazioni, ed estendendo il ventaglio di servizi cui sono dedicati normalmente gli oltre 1000 veicoli su tutto il territorio italiano:

-        trasporto pasti e spesa a domicilio;

-        trasporto di medicinali a domicilio;

-        servizi di assistenza domiciliare;

-        accompagnamento a visite mediche urgenti.

E' qui che è intervenuta RHIAG, distributore leader in Italia di parti di ricambio auto, ad offrire un aiuto tangibile a questa operazione, azzerando i costi degli interventi di manutenzione e riparazione effettuati sui mezzi di PMG attraverso i suoi network di officine in tutta Italia. Un contributo importante e concreto che RHIAG non ha esitato a mettere in campo, consolidando il rapporto con PMG con un’iniziativa di grande valore.

Ci auguriamo che tante altre realtà imprenditoriali decidano come RHIAG di mettere i propri servizi e prodotti al servizio della comunità e in particolare delle persone più deboli, perché in questo momento possono davvero fare la differenza.